Home » Mostre » Tommaso Bonaventura. 100 marchi – Berlino 2019

Oggi è il 9 novembre 2019, precisamente 30 anni dopo la Caduta del Muro di Berlino.

In occasione di questa ricorrenza così importante, vi voglio parlare del progetto fotografico di Tommaso Bonaventura, ospitato a CAMERA fino al 6 gennaio 2020.


Begrüssungsgeld

“Ricordi come hai speso il tuo Begrüssungsgeld?”

Questa è la domanda posta a un campione di tedeschi dell’ex-DDR tra il 2018 e 2019.

Ed è proprio dalle risposte ricevute che parte il viaggio nella memoria di questa mostra.

Il Begrüssungsgeld era il denaro di benvenuto, quei 100 marchi che dal 1970 al dicembre 1989 i cittadini della DDR ricevevano quando entravano nella Germania Ovest per la prima volta.

Questo denaro rappresentava un nuovo inizio, ma anche una rivoluzione nel modo di vivere, di comportarsi e di pensare.


Il valore della testimonianza

La stessa rivoluzione che 17 milioni di persone affrontarono quando cadde il muro di Berlino.

Che cosa hanno provato nel ritrovarsi in un mondo completamente diverso da quello in cui avevano vissuto e contro cui avevano combattuto fino ad allora?

Lo scopo della ricerca di Tommaso Bonaventura è proprio quello di dar voce a queste persone, perché possano raccontarci le loro esperienze e i loro sentimenti in un momento cruciale della storia del mondo, ma soprattutto della loro vita.

L’esito è un racconto fatto di  foto e video, focalizzato sulle vicende biografiche dei Berlinesi di oggi, i testimoni più segnati di quell’epoca, gli abitanti della città spezzata in due dal muro.


Altri sedi espositive

La mostra è frutto della collaborazione tra diverse istituzioni e si articola in più sedi, oltre a CAMERA:

  • il Museo del Risparmio di Torino, dove è possibile assistere alle video-interviste ai protagonisti della mostra.
  • Le Gallerie della Fondazione Museo storico del Trentino di Trento;
  • La chiesa di San Lorenzo a San Vito al Tagliamento, grazie alla collaborazione con il CRAF – Centro Ricerca e Archiviazione della Fotografia.

Il progetto di Tommaso Bonaventura è veramente molto interessante, non trovate anche voi?

Ricordare è fondamentale.

Innanzitutto perchè lo dobbiamo a chi ha lottato per riottenere i propri diritti e la propria libertà.

In secondo luogo perchè abbiamo maggiore possibilità che certi orrori non capitino più tramite l’immedesimazione e il dolore che proviamo ogni volta che la storia viene tramandata.

Mai più!” è un imperativo categorico a cui nessuno deve sottrarsi.

Arrivederci alla prossima mostra.