Home » Mostre » Le mostre di marzo a Torino

 

Mostre in scadenza a Torino (marzo)Marzo si preannuncia un mese ricco di buone occasioni per Torino dal punto di vista museale.

Pertanto ho pensato di scrivere questo post in cui vi elencherò tutte le mostre che potrete visitare in città.

Salta subito all’occhio come grande protagonista l’arte del Novecento: si può infatti spaziare da Guttuso a De Pisis, da Bacon a Carol Rama.

Fondamentale il contributo della fotografia, con le esposizioni di maestri del calibro di Carlo Mollino, Marta Cooper e Frank Horvat e le immersioni nell’attualità con i reportage di guerra del Museo del Risorgimento e della Fondazione Sandretto.

Ci aspettano anche le boccettine di profumo a Palazzo Madama; oppure i viaggi dei marchesi Falletti di Barolo.

Se invece ami Roma, la mostra che fa per te è alla Biblioteca Reale; così come non puoi perderti la mostra alla Fondazione Accorsi – Ometto, se ti piace l’arredamento di gusto settecentesco.

Poi, se vuoi spingerti più lontano, al Mao ti attendono il mondo dei samurai giapponesi e i tesori esotici che il duca Tommaso di Savoia ha collezionato nei suoi viaggi in Asia.

Questo e tanto altro come potrai constatare continuando a scorrere l’elenco dettagliato di questo post.

Un’ultima cosa: qui a fianco, ti lascio anche un’infografica con le mostre in scadenza. Così sarai certo di non perderti nulla.

 

 Le mostre di marzo a Torino

La pittura del ‘900

 

 

 

 

Le mostre di marzo a Torino

Le arti decorative

 



Le mostre di marzo a Torino

Mondi diversi

 

 

 

 

 

 



Le mostre di marzo a Torino

La fotografia


Con questo elenco ho cercato di fornire una panoramica più completa possibile, che continuerò ad aggiornare non appena spunterà qualche nuova esposizione museale all’orizzonte.

Quindi, se per caso dimentico qualche mostra, non farti scrupolo a dirmelo! Mi fa sempre piacere un aiuto in più!

Tra l’altro, hai già visitato qualche mostra?  Com’è? Ti è piaciuta oppure hai delle perplessità?

Che dici di lasciarmi un commento?  Così possiamo confrontare le impressioni.

Arrivederci alla prossima!