Home » Eventi culturali » Il mare antico. Popoli, storie, culture

Il mare antico. Popoli, storie, culture è il titolo di un ciclo di lezioni, organizzato dal Museo di Antichità di Torino, il cui fil rouge è la storia e l’archeologia delle grandi civiltà del Mediterraneo.

Ogni lunedì alle ore 17, dal 14 ottobre al 2 dicembre 2019, ci aspettano otto appuntamenti, presso la sala conferenze del Museo di Antichità, in Corso Regina Margherita 105.


Gli argomenti

Ecco i temi nello specifico, in ordine cronologico:

  • la ritrattistica romana, con particolare riferimento al linguaggio del corpo;
  • l’archeologia e il mito degli Etruschi, con un approfondimento sulla diffusione ottocentesca del gusto “all’etrusca”;
  • la cultura della Grecia antica attraverso i suoi monumenti;
  • la numismatica in relazione alla storia economica antica;
  • i Fenici e la loro presenza nel Mediterraneo;
  • i grandi enigmi del Paleolitico, partendo dagli studi di Gastaldi;
  • la ricerca archeologica di Torino in Egitto e la nascita delle collezioni egizie;
  • il patrimonio archeologico dell’Iraq e la questione della sua tutela e valorizzazione.

Struttura delle lezioni

Fulcro di ogni lezione è un’opera o un gruppo di reperti archeologici del museo di Antichità, scelti per esemplificare al meglio l’argomento del giorno.

Una delle finalità del corso è senza dubbio quella di far conoscere meglio il museo e il suo patrimonio, pertanto i  primi quindici minuti di ogni lezione verrà presentata una sintesi su una delle tante collezioni del Museo di Antichità, senza tralasciare le idee per il nuovo allestimento.

Inoltre nell’ultima mezz’ora ci sarà spazio anche per il confronto col pubblico, proprio a rimarcare l’importanza del feedback reciproco.

Per saperne di più consultate questo depliant.


Le facce del potere. Volti e corpi nel ritratto romano

La prima lezione approfondisce il tema del ritratto, uno dei generi più caratteristici dell’arte romana.

Il volto doveva esprimere il carattere della persona raffigurata, sempre in relazione però al suo ruolo politico e sociale.

Inoltre era anche importante abbinare la tipologia del ritratto con la corrispondente rappresentazione del corpo.

Infatti il modo in cui veniva raffigurato il corpo forniva informazioni sulla carriera oppure sui meriti del personaggio rappresentato.

Particolare attenzione meritano i ritratti degli imperatori, che si diffusero in serie in tutto l’impero, mostrandoci l’evoluzione stessa dell’immagine nel mondo romano e le modalità di comunicazione del potere.

Per quanto riguarda la sintesi sulle collezioni del Museo di Antichità di Torino, il primo appuntamento riguarderà la scultura greca e romana dei Musei Reali.


Informazioni e costi

  • intero €120;
  • ridotto €100 (riservato ad Abbonamento Musei, guide turistiche abilitate, studenti universitari e delle scuole superiori, Amici di Palazzo Reale, Amici della Galleria Sabauda, Amici del Museo di Antichità, Soci ICOM);
  • singolo ingresso fino a esaurimento posti  €15.

Due appuntamenti speciali

A inizio e conclusione del ciclo di lezioni, il 7 ottobre e il 9 dicembre, due appuntamenti straordinari anticipano i progetti archeologici dei Musei Reali e presentano le collaborazioni in corso con l’Università di Torino.

Uno sguardo documentario sui più antichi archivi pubblici e privati

Il primo incontro riguarda i più antichi archivi della storia, non costituiti da pergamene o antichi testi, ma da tavolette in argilla provenienti dalla Mesopotamia.

Forse non lo sapete, ma i Musei Reali di Torino ospitano la più ricca collezione italiana di antichità del Vicino Oriente, costituita soprattutto da circa 800 tavolette in argilla con iscrizioni cuneiformi, per lo più testi di archivio datati alla III dinastia di Ur (2110-2003 a.C.) e provenienti dalle antiche città Umma e Puzriš-Dagan (nell’ attuale Iraq meridionale), ma anche risalenti all’epoca paleobabilonese (XVIII-XVII sec. a.C.).

Un incredibile patrimonio che merita di essere conosciuto per il suo valore storico-documentario.

In occasione di questo primo appuntamento, sarà inaugurata anche una mostra correlata.

Per quanto riguarda la sintesi sulle collezioni museali, questo primo appuntamento è dedicato alla scultura romana dei Musei Reali.

Cipro a Torino: un viaggio inatteso nel Mediterraneo

L’ultimo appuntamento approfondirà l’archeologia dell’isola di Cipro, in vista di una futura mostra organizzata dal museo.

Al momento non posso raccontarvi di più su questo appuntamento, ma appena ne so di più vi faccio sapere.


A mano a mano che usciranno maggiori dettagli sui singoli incontri, aggiornerò l’articolo, pertanto continuate a seguirmi.

Per il momento vi saluto e arrivederci alla prossima notizia.