Cronache dall'Ottocento al Museo Accorsi Ometto

Home » Mostre » Cronache dall’Ottocento. Carlo Bossoli al museo Accorsi – Ometto

Cronache dall’Ottocento è la nuova mostra del Museo Accorsi Ometto, che ci catapulta in pieno Ottocento grazie alla pittura vedutista di Carlo Bossoli e agli scatti fotografici della sua epoca.

Infatti, l’esposizione prevede una novantina di opere, ripartite tra una cinquantina di dipinti di Bossoli e una quarantina di fotografie dell’epoca.

Questo confronto è da collegare alla rivoluzione del modo di percepire la realtà scaturita dalla nascita della fotografia nel 1839, che ha “costretto” la pittura a rimodularsi per tenere il passo.

In particolare, nei primi anni di vita della fotografia si diffonde una concezione verista del mondo, che coinvolge soprattutto la pittura di paesaggio.

In tal senso, Carlo Bossoli è un perfetto rappresentante della sua epoca, un vero cronista dell’Ottocento grazie alla sua incredibile qualità da vedutista.

 definizione di Vedutismo

Il percorso espositivo

La prima sezione ci mostra la quotidianità delle città italiane, in particolare quella di Torino, con le sue feste e i momenti di svago per le strade e nelle piazze, ma anche con le attività lavorative di tutti i giorni.

Dalla mostra Cronache dell'Ottocento al museo Accorsi - Ometto / Carlo Bossoli, Re Vittorio Emanuele II, Cavour, i Ministri e la Corte scendono lo scalone di Palazzo Madama dopo l’inaugurazione della V Legislatura subalpina, 1853 - Conservata alla GAM di Torino
Carlo Bossoli, “Re Vittorio Emanuele II, Cavour, i Ministri e la Corte scendono lo scalone di Palazzo Madama dopo l’inaugurazione della V Legislatura subalpina

Nella seconda sezione ci aspettano gli eventi politici e bellici di cui Bossoli è stato testimone.

Ad esempio, le Cinque Giornate di Milano del marzo 1848 e le campagne della seconda guerra d’Indipendenza che hanno portato all’unificazione d’Italia sotto i Savoia.

Carlo Bossoli "Barricate in Piazza San Babila durante le Cinque Giornate di Milano" - 1848
Carlo Bossoli “Barricate in Piazza San Babila durante le Cinque Giornate di Milano

Nella terza sezione scopriamo quali nuove infrastrutture ferroviarie traghettarono l’Italia verso la modernità.

Carlo Bossoli, "Galleria sulla linea ferroviaria Torino-Genova"
Carlo Bossoli, “Galleria sulla linea ferroviaria Torino-Genova

La quarta sezione affronta il tema dell’esotismo, la moda ottocentesca riguardante tutto ciò che fosse di natura esotica.

Carlo Bossoli, "Interno di un bazar di Costantinopoli"
Carlo Bossoli, “Interno di un bazar di Costantinopoli

Nell’ultima sezione  ci immergiamo in ville e giardini storici, dove Bossoli dimostra a pieno le sue capacità di vedutista, da perfetto discendente di Bernardo Bellotto.

Dalla mostra Cronache dell'Ottocento al museo Accorsi - Ometto / Carlo Bossoli, "Veduta del giardino di Villa Litta a Lainate"
Carlo Bossoli, “Veduta del giardino di Villa Litta a Lainate

Con “Cronache dall’Ottocento” il Museo Accorsi-Ometto ci riserva un’altra delle sue belle sorprese, come quelle di cui vi avevo già parlato nell’articolo sulle sue ultime novità.

Ma anche gli altri musei di Torino non scherzano. Tutti impegnati nel garantire un’offerta culturale varia e all’altezza dell’esigenze di questi tempi così complicati.

Naturalmente io vi tengo sempre aggiornati, pertanto continuate a seguirmi e iscrivetevi alla newsletter, per non perdervi nulla.

Alla prossima!


Leggi anche